Berlusconi: “Toghe accanite contro di me”

Silvio Berlusconi ha scritto un libro, mai andato alle stampe, dal titolo provvisorio 'La verità', dove parla della magistratura.

Silvio Berlusconi e i mal di pancia interni al partito di Forza Italia
Silvio Berlusconi e i mal di pancia interni al partito di Forza Italia (foto AdnKronos)

Silvio Berlusconi ha scritto un libro, mai andato alle stampe, dal titolo provvisorio ‘La verità’, dove parla della magistratura. “Non si sono visti né carri armati, né militari, né cortei di gente in rivolta nelle strade. Ma come chiamare il capovolgimento della volontà espressa liberamente dai cittadini alle elezioni senza passare di nuovo dalle urne? Non c’è che una risposta: si è verificato un colpo di Stato. Questo è quanto è successo per quattro volte negli ultimi venti anni in Italia…”.

Le parole di Berlusconi

In questi venti anni la magistratura militante si è accanita contro di me, come è evidente a tutti coloro che non siano animati da pregiudizio. Me ne hanno fatte di tutti i colori. Sono stato colpito nei miei affetti, nella mia reputazione, sul versante aziendale, economico, personale. Sono stato intercettato e spiato a casa mia e sono stato oggetto, sino a oggi, di 57 processi…”.