Abuso d’ufficio, Costa: M5S lo cambia solo per far saltare processi in corso

Abuso d'ufficio, Costa: M5S lo cambia solo per far saltare processi in corso. Il deputato di Fi ricorda che Bonafede voleva un inasprimento della pena nella scorsa legislatura. Ma tra coloro sotto processo per quella fattispecie c'è la Appendino

Abuso d’ufficio, Costa: M5S lo cambia solo per far saltare processi in corso. “Nella scorsa legislatura i deputati Alfonso Bonafede e Vittorio Ferraresi, oggi rispettivamente ministro e sottosegretario al ministero della Giustizia, presentavano un emendamento con cui chiedevano di alzare da 4 a 5 anni la pena massima per il reato di abuso d’ufficio. Obiettivo: rendere possibili le intercettazioni per questo reato”, mentre ora quella fattispecie è in predicato di essere cambiata, e non in senso restrittivo.

Abuso d’ufficio, Costa: M5S lo cambia solo per far saltare processi in corso

A dichiararlo è Enrico Costa, deputato e responsabile del dipartimento giustizia di Forza Italia. “In questi giorni circolano le bozze del decreto semplificazioni che, in relazione all’abuso d’ufficio, vanno nella direzione opposta. Restrizione del perimetro della fattispecie, con molte condotte che – a modifica approvata – non sarebbero più illecite. Noi vorremmo che l’articolo 323 del codice penale venisse soppresso – continua Costa – in quanto del tutto indeterminato ed applicato con interpretazioni discutibili, ma giudichiamo comunque la modifica di cui si parla un passo avanti. Quello che andava compreso, però, era il movente del dietrofront grillino, considerato che la modifica potrebbe mandare in fumo processi in corso: ora, dopo la lettura dei quotidiani, la ragione è molto chiara”. Alcuni hanno infatti fatto notare che, sotto processo per quel reato c’è, tra gli altri, la sindaca di Torino Chiara Appendino.