Secondo Meloni se il centrodestra vince le regionali il Colle dovrebbe prenderne atto

Secondo Meloni se il centrodestra vince le regionali il Colle dovrebbe prenderne atto. Noi siamo uniti mentre il centrosinistra nelle regioni va in ordine sparso, dice la leader di Fdi

Secondo Meloni se il centrodestra vince le regionali il Colle dovrebbe prenderne atto. A sentire Giorgia Meloni “la realtà sarà sotto gli occhi di tutti, anche del presidente della Repubblica, se il centrodestra dovesse vincere alle Regionali”.

Secondo Meloni se il centrodestra vince le regionali il Colle dovrebbe prenderne atto

La leader di Fdi lo sostiene in un’intervista al Dubbio, e sulla questione vitalizi ammette che “con Forza Italia non abbiamo marciato sempre compatti. La decisione della commissione Contenziosa del Senato è un insulto agli italiani in difficoltà e cercheremo di correggere questa ingiustizia in tutti i modi”. E per restare alle ‘quisquilie’ che dividono Fi dalla parte destra, preponderante, della coalizione, “anche sul Mes abbiamo posizioni diverse da Forza Italia” perché questo, secondo la Meloni, sarebbe “una trappola per l’Italia, ma è l’unica cosa che i con l’Europa ci differenzia. Per il resto, siamo uniti, e l’accordo sulle Regionali e le Comunali lo conferma. Siamo partiti diversi ma alla fine siamo capaci di trovare una sintesi. Se oggi presentiamo candidati unitari in tutte le Regioni vuol dire che l’alleanza è forte e coesa, a differenza della Sinistra che si presenta spaccata un po’ ovunque”.

“In Puglia – dice ancora la leader di Fratelli d’Italia – la Lega esprima il vicepresidente sulla base del consenso, in caso di vittoria”. Quanto al Veneto e alla richiesta di Zaia ai candidati di un impegno scritto in favore dell’autonomia, “in passato la Destra ha sostenuto la devolution, ma per noi l’unità nazionale è imprescindibile e dev’essere garantita. Tutti sanno che sono stati i 5 Stelle, nel Governo gialloverde, a impedire che l’autonomia andasse in porto”.