Coronavirus, Ricciardi: evitati decine di migliaia di morti col lockdown, Usa e Brasile fuori controllo

Coronavirus, Ricciardi: evitati decine di migliaia di morti col lockdown, Usa e Brasile fuori controllo. Ma la lezione che dobbiamo apprendere è: mai più trascurare il Ssn, dice il professore

Covid-19, Ricciardi:
Walter Ricciardi

Coronavirus, Ricciardi: evitati decine di migliaia di morti col lockdown, Usa e Brasile fuori controllo. “Grazie all’eroismo di medici, infermieri e dirigenti è stato evitato il peggio“. A ripeterlo è Walter Ricciardi, professore ordinario di Igiene generale e applicata all’Università cattolica e direttore dell’Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane, nel presentare il rapporto Osservasalute 2019.

Coronavirus, Ricciardi: evitati decine di migliaia di morti colo lockdown, Usa e Brasile fuori controllo

Ricciardi ribadisce la giustezza della scelta della quarantena: “Grazie alle decisioni politiche, in collaborazione con la scienza, l’Italia ha evitato decine di migliaia di morti, come è stato in Gran Bretagna, Stati Uniti e Brasile dove il lockdown è arrivato troppo tardi e troppo poco, paesi con un morto al minuto, soprattutto il Brasile, ma anche gli Stati Uniti che hanno ora una epidemia assolutamente fuori controllo. Le scelte che quei paesi hanno fatto sono antiscientifiche, anche la Svezia ha fatto scelte sbagliate dal punto di vista sanitario”. Quanto a quel che non è andato, “il Servizio sanitario nazionale – osserva – è arrivato allo tsunami da coronavirus assolutamente impreparato, in condizioni deboli dal punto di vista strutturale e del personale: nei passati anni il Ssn ha perso 40mia operatori e ha continuato a funzionare con quell’eroismo visto con quei medici bardati e infermieri esausti”.

Così “questa lezione che spero abbiamo appreso ci deve servire in futuro per capire una volta per tutte che il Ssn italiano è una risorsa importantissima e preziosissima, la più importante opera pubblica, e se noi non lo rafforziamo ci troveremo di fronte a criticità ancora più forti a quelle vissute negli scorsi mesi”, conclude.