Secondo Delrio sul Dl liquidità Pd e M5S hanno fatto “un gran lavoro”

Secondo Delrio sul Dl liquidità Pd e M5S hanno fatto "un gran lavoro". Sta nascendo una nuova classe dirigente, dice il capogruppo del Pd alla Camera

Per Delrio Colao
Graziano Delrio

Secondo Delrio sul Dl liquidità Pd e M5S hanno fatto “un gran lavoro”. “Quello che stiamo facendo con i 5 Stelle in Parlamento è molto proficuo. Sul decreto liquidità abbiamo fatto un gran lavoro insieme a loro e stiamo cercando di fare lo stesso sul decreto Rilancio”, sostiene in un’intervista al Corriere della Sera Graziano Delrio, aggiungendo che per lui “il bilancio è positivo perché ci si confronta senza ideologie. Questo lavoro meriterebbe più tempo e invece noi siamo bloccati su decreti come quello delle elezioni. Comunque mi sembra che questa esperienza di governo stia facendo crescere una classe dirigente che condivide alcuni ideali. Io quindi da questo punto di vista sono ottimista”.

Secondo Delrio sul Dl liquidità Pd e M5S hanno fatto “un gran lavoro”

Ma restano le divergenze sul Mes: “Noi siamo molto chiari – dice il capogruppo alla Camera del Pd -. Il Mes da baco è diventato farfalla. Si continua a commentare il Mes come fosse quello di prima ma così non è. Quindi nel momento in cui questi soldi sono disponibili vanno fatte valutazioni molto libere e non ideologiche. Il grande problema di questo Paese è la semplificazione. Dobbiamo semplificare le nostre leggi, riducendo la produzione legislativa e quella dei decreti attuativi. La pubblica amministrazione non deve essere più vista come una complicazione”.

“Ma ci sono altre due cose che mi premono – afferma ancora -. Come dice Mattarella dobbiamo investire sulle comunità di vita. Il rilancio del Paese non può avvenire nell’inverno demografico. Perciò mi auguro che il Parlamento finisca presto l’esame dell’assegno unico per i figli e che la ministra Bonetti approvi presto il Family Act. E’ il momento che l’Italia proponga un salto di qualità dell’Europa dal punto di vista politico. Bisogna approfittare del semestre a guida tedesca per proporre insieme a Francia e Spagna un salto di qualità per un Europa politica che abbia per esempio una difesa comune vera. E di questo che abbiamo bisogno, di un grande sogno europeo”.