Prodi: i governi cambiano se c’è alternativa. Il Mes? Lo schizzinoso lo fa chi i soldi li ha

Prodi: i governi cambiano se c'è alternativa. Il Mes? Lo schizzinoso lo fa chi i soldi li ha . Così l'ex premier in un'intervista al Corriere della Sera

Prodi: i governi cambiano se c’è alternativa. Il Mes? Lo schizzinoso lo fa chi i soldi li ha. “I governi cambiano quando c’è un’alternativa. Per capirci: Renzi ha dimostrato che non è certo il momento di far cadere questo esecutivo anche perché il Quirinale aveva fatto sapere che si sarebbe andati subito ad elezioni. E infatti Italia viva è rimasta al suo posto”.

Prodi: i governi cambiano se c’è alternativa. Il Mes? Lo schizzinoso lo fa chi i soldi li ha

Lo fa notare Romano Prodi commentando la situazione politica in una intervista al Corriere della Sera. Quanto alle parole del presidente di Confindustria Bonomi secondo cui la politica può essere più dannosa del virus, l’ex premier la ritiene “un’affermazione distruttiva, non costruttiva. Non serve la faccia feroce. Esiste anche l’esame di coscienza. Ci aspettiamo che dica che cosa deve fare l’industria italiana per affrontare la concorrenza internazionale nel post Covid. Pur essendo professore di economia industriale debbo tuttavia ricordare che non esiste solo l’industria. Bisogna far di tutto per riportare le imprese in Italia, esiste però la povera gente che non sa come far quadrare i conti, esistono i bar, i ristoranti e le agenzie di viaggio. A tutti, sindacati compresi, è richiesto un passo avanti”. Poi gli viene chiesto se alla fine saremo costretti a ricorrere al Mes, e Prodi sottolinea: “Ma perché dice ‘saremo costretti’? E’ un prestito senza condizionalità e a un tasso più basso di quello di mercato. ‘Facciamo senza’ è un’espressione che si può permettere chi i soldi li ha. E se non li prendiamo ci indeboliamo pure sull’altra trattativa”, quella sul recovery fund.