Bonaccini: “Qualche rischio va preso”

Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini a Ombinus su La7 ha detto la sua in merito alla gestione delle riaperture nella Fase 2 dell'emergenza coronavirus.

Bonaccini
Foto: Twitter

Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini a Ombinus su La7 ha detto la sua in merito alla gestione delle riaperture nella Fase 2 dell’emergenza coronavirus.

Le parole di Bonaccini

Io non ho fatto pressioni per riaprire, o ci fidiamo delle valutazioni del Comitato tecnico scientifico e del ministro della Salute o cambiamo mestiere. Io non sono un epidemiologo o un virologo. La differenza non la fanno 3, 4 giorni in meno. Se ci avessero detto di aspettarli lo avremo fatto. I numeri dicono che la curva è al ribasso, perfino in Lombardia. Soprattutto per quanto riguarda gli accessi in pronto soccorso di contagiati, che sono i dati che contano. Qualche quota di rischio va presa sennò non riapriremo mai, ma bisogna mandare tutti i dati a Roma ogni giorno e analizzare la situazione, tenendosi pronti a operare delle restrizioni se la curva dei contagi cambia”.