Silvestri: “Niente segni di ritorno di fiamma”

Il virologo Guido Silvestri, docente alla Emory University di Atlanta, sottolinea due segnali positivi.

Il virologo Guido Silvestri, docente alla Emory University di Atlanta, sottolinea due segnali positivi. “Siamo al 52esimo giorno consecutivo di calo dei ricoveri in terapia intensiva per Covid-19 in Italia, da 553 a 541, e siamo ormai al 13.26% del picco. Inoltre, a 22 giorni di distanza dalla riapertura del 4 maggio, non ci sono segni di ritorno di fiamma”.

Le parole di Silvestri

Come mi fanno notare i colleghi intensivisti è possibile che la fase finale di questo declino sia lenta se le degenze residuali sono lunghe. Scende anche il numero dei ricoveri totali e dei casi attivi (da 55.695 a 55.300, quindi di altre 1.395 unità). In Germania si registra una progressiva attenuazione dell’impatto sanitario di Covid-19, con 298 casi (ieri 431) e solo 10 morti. Le famose dichiarazioni di certi soggetti sul R0 che era magicamente diventato superiore a 1 il giorno dopo la ‘riapertura’ erano, come dire, non esattamente tra le più sagaci. In Francia 35 morti, uno dei conteggi più bassi da diverse settimane, mentre si segnalano solo 6 decessi in Svezia. Nel mondo ieri il numero dei morti/giorno è il più basso da marzo”.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.