Raggi ‘chiama’ ancora i ministeri: “Quando cacciate CasaPound?”

Raggi 'chiama' ancora i ministeri: "Quando cacciate CasaPound?". La sindaca di Roma commenta la contestazione subita a Ostia da parte delle 'tartarughe': "Se occupassero stabili del Comune li avrei già sgomberati"

Raggi ‘chiama’ ancora i ministeri: “Quando cacciate CasaPound?”. “Se voglio sgomberare ancora Casapound dopo le contestazioni di Ostia? Assolutamente si, del resto Casapound ce l’ha con me perché ho evidentemente rotto delle uova nel paniere”, dice Virginia Raggi in un’intervista su Radio Rock, commentando la protesta contro di lei messa in atto martedì scorso a Ostia da parte delle ‘tartarughe’ neofasciste.

Raggi ‘chiama’ ancora i ministeri: “Quando cacciate CasaPound?”

“Purtroppo gli stabili in cui sono non sono del Comune di Roma”, ribadisce la sindaca della Capitale: “Quello di Roma, cui abbiamo tolto la scritta, è del demanio, quindi del Mef, e quello di Ostia del demanio militare, altrimenti li avrei già fatto sgomberare. Evidentemente ho chiesto che vengano sgomberati, e lo chiederò ancora. Non si può dire a noi quello che dobbiamo fare e permettersi di insegnarci a vivere, quando si vive nell’illegalità. Non cedo ai loro ricatti”, conclude.