Zaia furioso: “Troppa movida, pronto a richiudere tutto”

Zaia
Foto: Twitter

Luca Zaia, su tutte le furie: il Governatore del Veneto se la prende per gli eccessivi assembramenti nei centri delle città e minaccia una nuova chiusura nel caso in cui i contagi dovessero aumentare.

Zaia: “Se aumentano i contagi torno a chiudere bar e ristoranti”

Nel corso della consueta conferenza stampa quotidiana nella sede della Protezione Civile di marghera, il Governatore del Veneto, Luca Zaia, si mostra preoccupato per i troppi assembramenti che si registrano nei centri cittadini.

Per questa ragione, il Governatore veneto ha voluto lanciare un appello: “Ci sono arrivate, ma credo a tutti, decine di foto e video dei centri delle nostre città con movida a cielo aperto. Non ho nulla contro la movida, ma gli assembramenti da evitare e la mascherina sono però sacrifici necessari. È strano e assurdo che un presidente della Regione ricordi ogni giorno, da mesi, l’importanza di indossare la mascherina. Faccio appello a far quadrato e a rispettare le regole: se qualcuno pensa che sia finito tutto è sulla strada sbagliata In 10 giorni io vedo i contagi: se aumentano richiuderemo bar, ristoranti, le spiagge, e torneremo a chiuderci in casa col silicone. Almeno abbiano rispetto per le 1.820 persone che hanno perso la vita”.

Zaia ha poi aggiunto: “Ieri sera un amico mi ha mandato delle foto con un sacco di persone senza mascherina e lo spritz in mano: gli ho risposto: ‘li aspetteremo davanti alle porte dell’ospedale’. E molti di costoro sono gli stessi che poi fanno la morale sui social. Il loro senso civico è zero“.

Il Presidente della Regione Veneto ha poi concluso: “Stiamo seguendo anche con un po’ di ansia questa apertura importante iniziata ieri. Così non può andare. L’uso della mascherina non può essere visto come una coercizione ma un piccolo sacrificio, che salvaguardia la salute: la mascherina è un salvavita