Caso Bonafede, Crimi: “Mi aspetto che la maggioranza voti compatta”

In vista della votazione relativa alle mozioni di sfiducia nei confronti del Ministro Bonafede, Vito Crimi, capo politico del Movimento 5 Stelle, si auspica che la maggioranza voti in maniera compatta.

Crimi: “Se qualcuno vorrà strumentalizzare, si assumerà la responsabilità”

Mercoledì 20 maggio in Senato si voterà la mozione di sfiducia nei confronti del Ministro Alfonso Bonafede. Della questione ne ha parlato il capo politico del Movimento 5 Stelle, Vito Crimi, che in una nota ha scritto: “Le questioni che riguardano la maggioranza si discutono all’interno della maggioranza. Quello è il contesto. Se qualcuno intende strumentalizzare questa mozione di sfiducia delle opposizioni per ottenere altro, si assumerà la responsabilità delle conseguenze. Mi aspetto che la maggioranza voti compatta“.

Le parole di Renzi

Saranno determinanti i voti dei 17 di Italia Viva, che per il momento non hanno ancora sciolto la riserva sul voto. Sulla vicenda è intervenuto anche Matteo Renzi: nel caso in cui il capo delegazione del M5S venisse sfiduciato, significherebbe far cadere il governo.

Renzi si rivolge così ai suoi sostenitori nell’e-news: “Mercoledì si vota la mozione di sfiducia a Bonafede. Per il nostro gruppo interverrò in Aula. I numeri sono ballerini e Italia Viva potrebbe essere decisiva. Voi che idea vi siete fatti? Vi leggo con grande attenzione, come sempre”