Coronavirus, per Fontana “la Sanità in Lombardia ha funzionato bene”

Coronavirus, per Fontana "la Sanità in Lombardia ha funzionato bene", perciò commissariarla sarebbe "un errore clamoroso"

Coronavirus, Fontana:
Attilio Fontana

Coronavirus, per Fontana “la Sanità in Lombardia ha funzionato bene”. Commissariare la sanità lombarda? “Sarebbe un errore clamoroso. La sanità in Lombardia ha funzionato bene e si è dimostrata efficiente“, dice in un’intervista alla Stampa il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. “C’è un clima avvelenato che qualcuno ha voluto creare nel Paese. Un clima antilombardo. E chi ha creato questo clima, dovrebbe farsi un esame di coscienza, perché poi i risultati sono questi” aggiunge, commentando una scritta apparsa su un muro di Milano: “Fontana assassino”.

Coronavirus, per Fontana “la Sanità in Lombardia ha funzionato bene”

Fontana nega anche che ci sia stata una spaccatura col collega veneto Luca Zaia: “Non è vero che c`è stata una spaccatura. C`era chi voleva l’uniformità delle linee guida per tutte le regioni, come il sottoscritto, e c’era chi voleva che ognuno potesse riaprire come meglio riteneva e non fosse necessario andare insieme. Io ho sostenuto che ci dovesse essere maggiore coordinamento”. Ma ora la fase 2 entra nel vivo, tuttavia “lunedì non apriremo sicuramente tutto. Le situazioni che riteniamo più pericolose rimarranno chiuse ancora per settimane”, spiega il governatore lombardo: “Penso alle palestre e ai musei“. E “se qualche regione vorrà aprirle, potrà farlo. Io ho posto il problema delle regole di comportamento necessarie per tutti, uguali in ogni regione. Le distanze, ad esempio. Ma poi ognuno si regola come meglio crede”, concede.