Stoltenberg: “Russi e cinesi usano il virus per destabilizzare Nato e Ue”

Stoltenberg: "Russi e cinesi usano il virus per destabilizzare Nato e Ue". Il segretario generale dell'Alleanza atlantica lo dice a Repubblica

Stoltenberg:
Jens Stoltenberg

Stoltenberg: “Russi e cinesi usano il virus per destabilizzare Nato e Ue”. “Attori governativi e non governativi cinesi e russi hanno diffuso una massa di disinformazione” a proposito della pandemia, “e propaganda per distorcere la verità. Si tratta di un atteggiamento sbagliato”. Lo dice, in un colloquio con Repubblica, il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg. “Gli alleati – continua – dovrebbero evitare investimenti stranieri che possano compromettere la riservatezza della nostre comunicazioni” (leggi 5g a Huawei). Stoltenberg loda “il coraggio degli italiani che hanno combattuto contro la pandemia e nel frattempo sono rimasti impegnati nelle missioni Nato nei Balcani occidentali, in Afghanistan e in Iraq”, ma ritiene sia un atto un tentativo di Mosca e Pechino di influenzare il dibattito nei partner di Nato e Unione europea: “Certo, non vedo altra ragione di tanta propaganda e disinformazione. Naturalmente noi abbiamo dimostrato con i fatti che siamo uniti e che ci aiutiamo a vicenda, il che rappresenta la miglior risposta alle fake news insieme al lavoro della stampa indipendente: fino a quando avremo media liberi, la disinformazione non vincerà. Inoltre continuiamo a collaborare con l’Unione europea nella lotta alla disinformazione”.

Stoltenberg: “Russi e cinesi usano il virus per destabilizzare Nato e Ue”

Poi rimarca: “A parte la disinformazione propagata con dichiarazioni pubbliche di soggetti governativi cinesi e russi, c’è tutto un filone di false notizie da fonti nascoste. Un esempio lampante è la fake news secondo la quale la Nato sarebbe stata in procinto di ritirare le truppe dalla Lituania a supporto della quale è stata fatta circolare una falsa lettera a mia firma. Non posso entrare in dettagli di intelligence, ma è chiaro che non è stata l’opera di un dilettante bensì parte di una campagna organizzata e molto complessa spalmata su varie piattaforme e tradotta in diverse lingue. Dobbiamo rimanere molto vigili”.