Migranti, Provenzano: “Il M5S ora scelga: destra o sinistra?”

Migranti, Provenzano dice: "Il M5S ora scelga: destra o sinistra?". "Siamo stati inchiodati per giorni su un atto di civiltà", commenta il ministro per il Sud

Migranti, Provenzano dice:
Giuseppe Provenzano

Migranti, Provenzano dice: “Il M5S ora scelga: destra o sinistra?”. Una (piccola) regolarizzazione degli immigrati è passata, dopo giorni di tensioni. Si tirano le somme. ”Se un governo si inchioda per giorni su un atto minimo di civiltà, mettendo in ombra il lavoro sulle emergenze del Paese, io mi interrogo. Così diamo armi a Salvini. Io ho rispetto del travaglio interno al M5S, ma è giunto il momento che faccia piena chiarezza sulla sua natura politica. C’è una destra e c’è una sinistra. Con le sfide difficili che ci aspettano bisognerà scegliere, sempre di più”. Così dice intervistato da Repubblica Giuseppe Provenzano, ministro per il Sud e la coesione territoriale, del braccio di ferro nel Movimento 5 Stelle sulla regolarizzazione dei migranti contenuta nel dl cosiddetto Rilancio.

Migranti, Provenzano dice: “Il M5S ora scelga: destra o sinistra?”

E sintetizza: ”Con questi rapporti di forza abbiamo ottenuto tutto il possibile. Peccato che non sia stato fatto prima, quando il centrosinistra governava tutto e avrebbe dovuto cambiare la Bossi-Fini”. Ma è comunque “un risultato importante. – conclude – Ora, per l’Italia. E mi porto sempre appresso alcuni versi ‘riformisti’ che Pasolini scrisse per Pietro Nenni nell’estate del 1961: ‘Se non possiamo realizzare tutto, non sarà giusto accontentarsi di realizzare poco? La lotta senza vittoria inaridisce'”.