Fase 2, Sileri: “Aboliamo l’autocertificazione”

Fase 2, Sileri: "Aboliamo l'autocertificazione". E sulle ironie sugli "amici veri" il viceministro della Salute dice: "Intendevo che non dev'essere una scusa"

Fase 2, Sileri: “Aboliamo l’autocertificazione”. “L’Italia è come un paziente convalescente da una malattia grave. Lo stiamo dimettendo, ma con prescrizioni da osservare. Però ci dobbiamo affidare anche alla responsabilità e al buon senso“, dice il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, in un’intervista al Corriere della Sera. Sileri sull’autocertificazione sostiene: “Non so se è stato un errore. Io forse non l’avrei messa, ma capisco la logica. C’è sempre qualche furbo. Ma se guardiamo questi due mesi, il 95% degli italiani ha rispettato le regole. Non serve mettere un cartello sui ponti del Tevere: non buttatevi di sotto altrimenti morite. Lo sappiamo. Almeno dal 18 maggio io abolirei l’autocertificazione“.

Fase 2, Sileri: “Aboliamo l’autocertificazione”

Sul caos ‘congiunti’, Sileri precisa: “C’è chi vuole giocare con le parole, ma io ho detto amico vero nel senso che non deve essere una scusa. C’è chi vive solo, è vedovo o magari ha bisogno di qualcuno che gli tenga il bambino. In mancanza dei nonni e babysitter, un amico è fondamentale”.