Bonaccini: “Chi vuole più sanità privata non sa di che parla”

Bonaccini: "Chi vuole più sanità privata non sa di che parla. Servono più risorse per quella pubblica"

Bonaccini: “Chi vuole più sanità privata non sa di che parla”. Nell’ottica della riapertura nella cosiddetta Fase 2 servono “linee guida nazionali: bisogna che le scelte che vengono fatte valgano per tutto il Paese”, dice il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, intervenendo alla trasmissione Agorà su Rai 3. E in ogni caso, mette in guardia, nell’eventualità che la linea dei contagi da coronavirus torni a salire “occorre tenerci tutti pronti per poter eventualmente restringere qualcosa, regione per regione e territorio per territorio. Anche dal punto di vista sanitario bisogna fare le cose per bene per avere tutto pronto in caso di qualche problema”.

Bonaccini: “Chi vuole più sanità privata non sa di che parla”

Quanto al dibattito tipico di questo periodo su Sanità pubblica e privata, “dobbiamo pensare ad una medicina più di territorialità, e meno solo ospedaliera. E servono molti più investimenti nel pubblico. Si è investito troppo poco nella sanità pubblica. Servono più risorse. Con il privato, qui, abbiamo un ottimo rapporto – commenta Bonaccini – ma l’idea di una sanità che sia più privata che pubblica, cioè che curi più gli ospedali dove la persona viene presa solo in cura e non c’è la presa in carico, per me è un’idea sbagliata. Chi vuole fare più privato non sa di cosa sta parlando per l’oggi e per il domani”, conclude il governatore.