Il M5S vota contro il Recovery fund. Calenda: “Scappati di casa”

Il M5S vota contro il Recovery fund al Parlamento europeo, Calenda: "Scappati di casa". Ma anche Lega e Fi hanno respinto la proposta dei Verdi di mutualizzare il debito

Il M5S vota contro il Recovery fund, Calenda: “Scappati di casa”. Ieri al Parlamento europeo sono successe un paio di cose interessanti. La Lega e Fi hanno votato contro un emendamento dei Verdi che proponeva di mutualizzare il debito per l’emergenza Coronavirus a livello Ue. L’emendamento alla risoluzione sulla risposta Ue alla crisi è stato respinto con 326 voti contrari, 282 a favore e 74 astenuti. Il testo prevedeva di condividere a livello comunitario una quota consistente del debito che verrà emesso dagli Stati membri. E’ il principio degli eurobond, che i due partiti dicono di volere. E sempre al parlamento europeo il M5S ha votato contro il paragrafo della risoluzione che puntava, su proposta francese, alla creazione di Recovery Bond nel bilancio comunitario.

Il M5S vota contro il Recovery fund, Calenda: “Scappati di casa”

Il testo del paragrafo 17 della risoluzione, che è comunque passato a larga maggioranza nonostante il no dei 5S, chiede alla Commissione “un pacchetto massiccio per la ripresa e la ricostruzione di investimenti per sostenere l’economia europea dopo la crisi, al di là di ciò che il Mes, la Bei e la Bce stanno già facendo”. In base al testo il pacchetto dovrebbe far parte “di un nuovo quadro finanziario pluriennale (il bilancio 2021-2027, ndr)”. Investimenti che andrebbero “finanziati da fondi Ue e strumenti finanziari esistenti e da Recovery bonds garantiti dal bilancio Ue”. Di nuovo debito comune europeo, anche se ovviamente, come nel primo caso, dedicato alla risposta futura da dare all’emergenza. Ma in entrambi i casi, un voto che va contro quello che quasi tutti i partiti stanno sostenendo in patria, ovvero che è giusta e necessaria una solidarietà europea verso l’Italia che però non starebbe arrivando per colpe straniere. Ma il M5S è andato all’attacco di Lega e Forza Italia per la loro scelta, sorvolando sulla propria. Così il leader di Azione Carlo Calenda, che è anche eurodeputato, ha scritto un tweet con i soliti toni coloriti rivolto ai 5S: “Avete votato contro il recovery fund/bond che Conte sta sostenendo, coprendoci di ridicolo. Non se ne può più di un branco di scappati di casa che in 100 non fanno un Cv decoroso. Non si possono affrontare pandemia e recessione con una ‘mucillagine peristaltica‘ (leggi 5S) al Gov”. Dove “mucillagine peristaltica” è la dotta definizione che dei grillini diede Giulio Sapelli. Ma è difficile che la carica dell’epiteto sia ben compresa. Troppo complicato.