Veneto, Zaia: “Il 4 maggio si riapre, forse anche prima”

"Tener tutto chiuso e morire in attesa che il virus se ne vada oppure puntare alla convivenza?" - sono le parole del Governatore

Zaia riapertura Veneto
Foto: Twitter

Si avanti con la strategia indicata in questi giorni: Luca Zaia punta alla riapertura del Veneto. In attesa di conoscere quali saranno le decisioni prese dal governo in merito alle misure restrittive in scadenza il 3 maggio, il Veneto va avanti per la sua strada e sembra ormai propenso a guardare al futuro per non dover fare i conti con una crisi economica che già adesso si sta facendo sentire. Il presidente pensa quindi sia fondamentale lavorare a un progetto ad hoc per non farsi trovare impreparati.

Se ci sono i presupposti di natura sanitaria dal mondo scientifico, dal 4 maggio o anche prima si può aprire con tutto – ha detto il Governatore Zaia -. Dobbiamo essere tutti pronti con dispositivi, regole, ovviamente negoziati con il mondo delle parti sociali e quello dei datori di lavoro. A me risulta che questo lavoro si stia facendo a livello nazionale con questa prospettiva. Non escludo che alcune attività possono essere anche messe in una griglia di partenza, magari, un po’ prima. Immagino che la dead line sia il 4 maggio”.

La salute è certamente fondamentale, ma non è l’unico aspetto a cui badare: “Il vero tema oggi – si è chiesto – è tener tutto chiuso e morire in attesa che il virus se ne vada oppure puntare alla convivenza?. A Whuan è stato deciso di convivere e di aprire perchè oltre un certo limite non è più sostenibile, sempre fatto salve le indicazioni del mondo scientifico. So per certo che il Comitato scientifico ha dato già le indicazioni, adesso attendiamo la risposta. Noi abbiamo completato il nostro master plan per la riapertura, abbiamo voluto scrivere delle regole che siano uguali per tutte. Le affronteremo domani pomeriggio con l’assessore regionale alla sanità con le parti sociali e con il mondo datoriale, assieme agli altri assessori regionali, e lì proporrà la nostra bozza”

Zaia riapertura Veneto – Attenzione al turismo

L’estate è ormai sempre più vicina e in Veneto un ruolo cruciale viene svolto dal turismo, già fortemente provato dalle difficoltà vissute negli ultimi mesi per l’alluvione in autunno e un Carnevale che iniziava già a risentire del Coronavirus, pur senza misure restrittive in atto. Il presidente Zaia non dimentica quindi di sostenere tutti gli operatori del settore.

“Dal 4 maggio si potrà avere certezza da parte del Governo sul fronte delle regole per gli operatori turistici, balneazione e gestione delle spiagge, e ad esempio come ci si regola col buffet. Abbiamo sentito gli operatori in videoconferenza delle località turistiche, faremo un progetto ad hoc per il turismo per dare loro certezza” – ha concluso.