Eurobond, Cottarelli: possiamo fare senza Olanda, è in minoranza

Eurobond, Cottarelli: possiamo fare senza Olanda, è in minoranza. Ma in questo momento "lasciamo perdere le tasse di scopo"

Eurobond, Cottarelli: possiamo fare senza Olanda, è in minoranza. Sugli Eurobond in Europa si può andare avanti senza i Paesi bassi. Parola di Carlo Cottarelli, economista e direttore dell’Osservatorio sui Conti Pubblici dell’Università Cattolica di Milano. Sui titoli di debito comune in Europa “la strada è stata aperta ma non è ancora stato trovato un accordo”, ha spiegato Cottarelli a Che tempo che fa su Rai2. Gli olandesi, a suo dire, “hanno un peso non determinante nella Banca centrale europea perché sono stati messi in minoranza. Per quanto riguarda questi accordi invece ci vuole unanimità, non si può obbligare l’Olanda a far parte di un programma di Eurobond. Se l’Olanda però decidesse di non starci, possiamo andare avanti lo stesso. Addirittura si potrebbe dire ‘andiamo avanti’ anche se la Germania non ci stesse, ma quello sarebbe ovviamente più difficile”. Secondo Cottarelli, “senza Olanda si potrebbe andare avanti, se la Germania vuole proseguire su questa strada degli Eurobond e del finanziamento del recovery fund“.

Eurobond, Cottarelli: possiamo fare senza Olanda, è in minoranza

Quanto alle scelte domestiche (Covid tax o come la si voglia chiamare) “lascerei perdere in questo momento ogni aumento di tasse, questa è una fase in cui la spesa pubblica deve aumentare e deve essere finanziata in deficit perché è una situazione di emergenza. E’ una situazione seria e in recessione bisogna aumentare il deficit. Non starei ad aumentare le tasse anche perché anche dal punto di vista psicologico non sarebbe un bel segnale“. Il governo ora “dovrebbe spingere sulla domanda e sugli investimenti pubblici, è la strada migliore per la ripresa”, ha concluso.