Lombardia, Fontana: “Anche oggi i dati migliorano”

Fontana
Foto: Twitter

La Lombardia resta la stagione più colpita dal Coronavirus e con il maggior numero di vittime, ma nonostante un quadro che continua a restare drammatico qualche piccolo risveglio sembra esserci da qualche giorno. A sottolinearlo è il presidente Attilio Fontana: “”E’ una giornata bellissima, meteorologicamente , ma è bellissima perchè i numeri anche oggi stanno migliorando” – ha detto il Governatore mentre era in attesa sulla pista dell’aeroporto militare di Linate dei 70 medici “che saranno destinati – ha detto – agli ospedali di Brescia”. I medici sono accompagnati dal ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia e dal capo della protezione civile Angelo Borrelli .

Terminata intanto dalla Protezione Civile Lombardia la consegna delle 3,5 milioni di mascherine gratuite, attraverso le Province, le farmacie e le edicole. Sono invece in consegna in queste ore, sempre tramite la Protezione Civile Lombardia colombe e uova pasquali in dono per le nostre equipe negli ospedali e per i volontari.

Fontana incita alla cautela in vista della Pasqua

Le misure restrittive sono ancora in vigore fino a lunedì 13 aprile, ma pur ventilando la possibilità di una “Fase 2“, sarà fondamentale non mollare ora che si avvicina la Pasqua. “Stiamo faticosamente avvicinandoci ad una meta, una meta che può sfuggirci di mano appena si compiono dei comportamenti inappropriati. C’è il rischio che tutta la fatica che abbiamo fatto fino ad oggi sia vanificata e non possiamo permettercelo. Certamente se interrompiamo questi comportamenti virtuosi, ritorniamo indietro”. E l’appello lanciato ai cittadini dal Governatore lombardo Attilio Fontana, in vista soprattutto del week end di Pasqua. “Si prospettano giornate bellissime, verrà voglia di uscire ma non si può fare”.

E’ bene però essere cauti: il peggio non è ancora passato. ” Noi stiamo faticosamente cercando di vincere una battaglia, ma siamo ancora nel pieno della battaglia – ha sottolineato Fontana in collegamento con 7 Gold -. La gente deve capire che non abbiamo ancora ottenuto alcun risultato se non quello di rallentare questa epidemia e rendere meno opprimente la pressione sul sistema sanitario. Questo lo stiamo facendo insieme all’impegno di tutti, delle persone che vorrebbero uscire a divertirsi e invece devono stare in casa. E’ l’unico mezzo, lo dicono i numeri. Fino a qualche settimana fa eravamo in una situazione in cui i nostri ospedali quasi non riuscivano più a ricevere gli ammalati. Adesso la situazione è più tranquilla ma dobbiamo concludere questa fase, dobbiamo arrivare ad avere contagi zero”.