Coronavirus, Pompeo: “Nessuno vi aiuterà più degli Usa”

Coronavirus, Pompeo: "Nessuno vi aiuterà più degli Usa. Annunceremo a breve altri interventi"

Coronavirus, Pompeo:
Mike Pompeo

Coronavirus, Pompeo: “Nessuno vi aiuterà più degli Usa”. Gli Stati Uniti intendono guidare “una coalizione globale” nella lotta contro il Covid-19. Lo dice in un’intervista al Corriere della Sera il segretario di Stato Usa Mike Pompeo. Di origine italiana (il bisnonno era di Pacentro, in Abruzzo), Pompeo sostiene di essere “particolarmente affezionato agli italiani e voglio assicurarli: nessun Paese vi aiuterà più di quello che faranno gli Stati Uniti. Annunceremo a breve altri interventi di assistenza diretta. Sarà un’azione molto significativa”. Gli italiani “devono sapere che non solo il governo, ma tutti gli americani saranno al loro fianco in questa crisi e che faremo tutto ciò che sarà necessario per consentire all’economia italiana di riprendersi quando l’epidemia sarà finita”, perché per contrastare la pandemia “c’è ancora molto lavoro da fare”.

Coronavirus, Pompeo: “Nessuno vi aiuterà più degli Usa”

Il presidente Trump “vuole dialogare e cooperare con tutti i Paesi, compresa la Cina“, dichiara Pompeo, ma “non vorrei che ci fossero equivoci. Gli Stati Uniti hanno imparato nel tempo come guidare il mondo e lo faranno anche in questa emergenza”. E oggi “abbiamo bisogno di trasparenza” da tutti sul numero dei casi e la diffusione del contagio. Quanto all’origine del virus, “il presidente Trump ha messo in chiaro con le autorità cinesi che i militari americani non c’entrano nulla”. Questo è un virus che “ha avuto origine a Wuhan, in Cina” e “noi abbiamo inviato un team di medici in Cina per lavorare insieme”.

Ora ciascun Paese deve collaborare concretamente perché “dobbiamo salvare vite umane e impedire che in futuro si verifichi un’altra pandemia”. Pompeo si dice sicuro in particolare della collaborazione tra Usa e Europa, sul piano scientifico, nello scambio di tecnologie e delle relazioni commerciali che “sono profonde e continueranno a crescere in futuro”. Rispetto alla fornitura da parte degli Usa di materiale sanitario, in questo momento “abbiamo una grande domanda di mascherine e di ventilatori nel nostro Paese” ma a breve gli Usa hanno intenzione di provvedere “anche ai bisogni degli altri Paesi“. Washington ha offerto assistenza anche “all’Iran, al Venezuela e anche alla Corea del Nord” e “faremo in modo che gli aiuti arrivino alla gente e non ai regimi che sono stati così distruttivi per i loro popoli”.