Rezza: “Immunità? Su durata non ancora dati certi”

Gianni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità (Iss), non ha ancora certezze.Gianni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità (Iss), non ha ancora certezze.

Coronavirus vaccino
Foto: Pixabay

Gianni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità (Iss), non ha ancora certezze. “Sull’immunità e su quanto sia protettiva e duratura ancora c’è da studiare, penso che per analogia con altri virus probabilmente lo sia, una volta superata la malattia, ma non abbiamo sufficiente follow up per dirlo con sicurezza”.

Le parole di Rezza

“Finalmente sembra che si inizi a vedere una diminuzione del numero di nuovi casi. Se lo mettessimo su una curva epidemica giorno dopo giorno ora, dopo una fase di plateau, sembra esserci una discesa dei nuovi casi. Siamo cauti ma la curva tende a scendere in basso ed è un primo sospiro di sollievo. La situazione sembra migliorare come del resto avevano previsto i nostri modelli matematici, che prevedevano una riduzione del parametro R. Questo dato sembra confortare le stime e speriamo di assistere a una flessione. tenendo sempre a mente che questo virus rimarrà nella popolazione anche se calano i casi. Non è però una ‘tana libera tutti’. Non arriveremo a zero”.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.