Tajani chiede al Ppe “coraggio: altrimenti la Ue scomparirà”

Tajani scrive al Ppe: serve coraggio altrimenti l'Ue scomparirà. La risposta europea alla crisi finora è stata inadeguata, dice il vicepresidente del gruppo europopolare

Migranti, Tajani a Bellanova:
Antonio Tajani

Tajani scrive al Ppe: serve coraggio altrimenti l’Ue scomparirà. “Le decisioni che dovremo affrontare nei prossimi giorni costituiranno il nostro testamento politico per le generazioni future. Cerchiamo di essere onesti con noi stessi: stiamo affrontando una prova esistenziale e se non saremo in grado di superarla, la nostra Unione sarà completamente rasa al suolo”. E’ quanto si legge in un passaggio della lettera che Antonio Tajani di Fi, vicepresidente del Ppe, ha trasmesso ai colleghi del al gruppo europopolare (stesso partito di Angela Merkel), pubblicata oggi su ‘Avvenire’. “La risposta all’emergenza sanitaria – sottolinea Tajani – è stata inadeguata e ha incrementato il sentimento anti europeista tra i nostri cittadini. Abbiamo quindi il dovere di reagire con determinazione alla recessione economica in atto, che sta provocando effetti sociali devastanti. Basti pensare alla disoccupazione. Abbiamo bisogno di politiche economiche ambiziose per salvaguardare posti di lavoro e garantire dunque un’esistenza dignitosa ai cittadini e alle imprese.

Tajani scrive al Ppe: serve coraggio altrimenti l’Ue scomparirà

“Cerchiamo quindi di rimettere al centro delle nostre politiche – prosegue Tajani nella lettera – i valori cristiani che hanno ispirato De Gasperi, Schuman e Adenauer. Loro sono stati in grado di costruire una nuova Europa dopo la distruzione causata da due guerre mondiali. Oggi il Partito Popolare Europeo ha davanti a se la stessa responsabilità storica: dobbiamo guidare il processo d’integrazione europea verso il futuro”.

“Il nostro ruolo è quello di guidare i cambiamenti storici per avere un’Europa migliore. Quali alternative avremmo altrimenti? Vogliamo essere ricordati in futuro per non aver avuto lo stesso coraggio dei nostri padri fondatori? Abbiamo un passato comune e oggi condividiamo uno stesso male. Per questo non possiamo dimenticare che abbiamo davanti a noi un futuro comune. Scriviamo insieme e con coraggio un’altra pagina di storia all’altezza dei tempi. Coraggio!”, conclude Tajani.