Lombardia, da domani obbligo uso della mascherina (o protezione al volto)

Sono ammesse anche protezioni per naso e bocca, come foulard o sciarpe : l'ordinanza regionale in vigore fino al 13 aprile

Lombarida obbligo mascherine
Foto: Pixabay

Lombardia, obbligo mascherine a partire da domani. Sarà quindi necessario andare in giro indossando la mascherina o comunque con una protezione su naso e bocca: è quanto prevede la nuova ordinanza del governatore Attilio Fontana che entrerà in vigore domani.

Da domani e fino al prossimo 13 aprile, spiega la Regione Lombardia in una nota, “restano in vigore le misure restrittive già stabilite per l’intero territorio lombardo lo scorso 21 marzo con ordinanza regionale“. In più, però, la nuova ordinanza del presidente Attilio Fontana “introduce anche l’obbligo per chi esce dalla propria abitazione di proteggere sé stessi e gli altri coprendosi naso e bocca con mascherine o anche attraverso semplici foulard e sciarpe“. Una misura volta a proteggere ulteriormente chi si sposta attraverso uno strumento che finora non ha mancato di fare discutere non solo per l’impossibilità di reperirlo, ma anche per i pareri spesso discordanti da parte degli esperti sulla loro reale efficacia.

Lombardia obbligo mascherine – Le altre misure in vigore

E “gli esercizi commerciali al dettaglio già autorizzati (di alimentari e di prima necessità) hanno l’obbligo di fornire i propri clienti di guanti monouso e soluzioni idroalcoliche per l’igiene delle mani”. In particolare, poi, il documento regionale, come la precedente ordinanza, “conferma la chiusura degli alberghi (con le eccezioni già in vigore), degli studi professionali, dei mercati e tutte le attività non essenziali”. Inoltre, ora “sarà possibile acquistare articoli di cartoleria all’interno degli esercizi commerciali che vendono alimentari o beni di prima necessità, già aperti” e sarà “anche possibile la vendita di fiori e piante solo con la consegna a domicilio”. Infine, spiega la Regione, “ai sensi del decreto legge del 25 marzo scorso che vieta alla Regione di intervenire sulle attività produttive è stato chiesto al Governo di confermare con un dpcm specifico, la chiusura dei cantieri edili e di permettere, invece, le attività legate alla filiera silvopastorale (come, ad esempio, il taglio della legna)”.