E Marattin dice no ad ampliamenti del reddito di cittadinanza

E Marattin dice no ad ampliamenti del reddito di cittadinanza. Meglio, secondo il deputato di Iv, dare risorse ai comuni per chi sia rimasto senza qualunque tipo di sostegno

E Marattin dice no ad ampliamenti del reddito di cittadinanza. “C’è qualcuno che sogna di sfruttare questa emergenza per creare un’economia basata sul reddito di cittadinanza, magari vestito con un altro nome”, dice il deputato di Italia Viva Luigi Marattin, riferendosi implicitamente ai vari esponenti pentastellati che in questi giorni hanno vagheggiato di ampliare il rdc.

E Marattin dice no ad ampliamenti del reddito di cittadinanza

“Noi abbiamo posto un tema molto semplice: facciamo una ricognizione seria e precisa di chi rimane fuori dalla vasta gamma di strumenti di supporto già esistenti (Rdc, Naspi) o creati/ampliati con il Decreto legge ‘Marzo’ (cassa integrazione per tutti, sostegno agli autonomi, Fondo ex art 44). – continua – E diamo ai Comuni, che conoscono meglio le situazioni di emergenza sul loro territorio, tutte le risorse necessarie per occuparsi di chi rimane fuori. E’ questo secondo noi il modo migliore di aiutare chi non ce la fa”, conclude Marattin.