Coronavirus, D’Incà: “Errori? Facile dirlo col senno di poi…”

Coronavirus, D'Incà: "Errori? Facile dirlo col senno di poi...". Ma ora è importante ripartire, dice il ministro per i rapporti con il Parlamento

Mes D'Incà:
Federico D'Incà

Coronavirus, D’Incà: “Errori? Facile dirlo col senno di poi…”. “Se non avessimo fatto quello che abbiamo fatto, che storia racconteremmo oggi? E’ facile ragionare con il senno di poi. A molti cittadini sono stati chiesti sacrifici e mio pensiero va, soprattutto, a chi vive e lavora nelle zone rosse. Adesso ripartiamo”, dice il ministro per i Rapporti con il Parlamento e le riforme, Federico D’Incà, ai microfoni di Rainews Studio24.

Coronavirus, D’Incà: “Errori? Facile dirlo col senno di poi…”

“Secondo me, – continua – l’intervento più importante che dovremmo fare nei prossimi giorni è quello che riguarda noi stessi, la nostra fiducia negli altri, nelle istituzioni e nel nostro Paese. Senso di responsabilità di tutti e corretta informazione sui media”. Con le opposizioni, che D’Incà ha ringraziato insieme ai colleghi di maggioranza, “abbiamo dimostrato che si può lavorare bene per il Paese. Se le opposizioni avranno idee per le prossime misure sulla situazione, ne discuteremo in un clima di collaborazione“.