Tajani: ora il Parlamento Ue non discrimini gli italiani

Tajani: ora il Parlamento Ue non discrimini gli italiani, l'Italia non può diventare un lazzaretto

Migranti, Tajani a Bellanova:
Antonio Tajani

Tajani: ora il Parlamento Ue non discrimini gli italiani. “L’Italia non può diventare un lazzaretto”. Il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani, parlando durante una conferenza stampa dedicata all’illustrazione delle proposte degli azzurri per l’emergenza coronavirus, ha lanciato un monito ai funzionari del Parlamento europeo che hanno elaborato restrizioni nell’accesso ai cittadini provenienti dalle zone interessate dal coronavirus, compresa gran parte dell’Italia settentrionale.

Tajani: ora il Parlamento Ue non discrimini gli italiani

Secondo l’ex presidente dell’Europarlamento, “fare quarantene inutili non serve, occorre diversificare le situazioni: una cosa sono i Comuni della zona rossa, che magari sono più vicini all’Austria e alla Svizzera, altro è la Basilicata… Altrimenti ci vorrebbero restrizioni anche per chi viene dalla Germania o dalla Francia, qualsiasi Paese dove c’è un contagiato”.

“Diciamo no – ha detto ancora Tajani – ad atteggiamenti discriminatori in Europa nei confronti dei cittadini italiani e del nostro Paese. Bisogna essere seri, rigorosi, ma non alimentare il panico che sarebbe un danno per l’Italia. Per cui serve che la direzione generale personale del Parlamento europeo pratichi prudenza ed attenzione”.