Open Arms, Rossi contro Salvini: “Il Pd lo mandi a processo”

Il governatore della Toscana Rossi contro Salvini sul caso della Open Arms. E chiede al Pd di mandarlo a processo perché "un ministro non può sottrarsi alla legge"

Riapertura, Rossi:
Enrico Rossi

Enrico Rossi contro Salvini sulla Open Arms. “Il Tribunale dei ministri chiede anche per Open Arms – siamo al terzo caso – che Salvini vada a processo per avere abusato dei suoi poteri d sequestrato persone in violazione del diritto internazionale e di norme interne in materia di soccorso e diritti umani. Non può dire davvero che noi non lo avevamo avvertito che da ministro stava commettendo gravi reati. Dunque la vicenda è davvero grave e il Pd deve dare battaglia perché Salvini, come lui stesso imbrogliando dice di volere, sia veramente sottoposto a processo”. Lo scrive su Facebook lo stesso Rossi, presidente della Regione Toscana.

Open Arms, Enrico Rossi contro Salvini

“Un ministro della Repubblica non può sottrarsi alla legge, invocando il favore del popolo, perché questo è tipico proprio di quei regimi illiberali che tanto piacciono al leader della Lega”, aggiunge Rossi. Che poi prosegue: “Anche la Lega stessa e tutta la destra dovrebbero scegliere la soluzione più ragionevole e più rispettosa dei principi della legalità. Il fatto è che Salvini è irrimediabilmente eversivo e inadeguato a governare. Il 12 febbraio il Senato discuterà del caso Gregoretti e il 27 del caso Open Arms. Sono due passaggi decisivi per rilevare la qualità della nostra democrazia”.