Citofonata di Salvini, Gabrielli: “No a giustizia porta a porta”

Il capo della Polizia Franco Gabrielli ha rimproverato Matteo Salvini per aver citofonato a una casa privata a Bologna.

Matteo Salvini citofona una persona chiedendo se sia uno spacciatore
Matteo Salvini citofona una persona chiedendo se sia uno spacciatore (foto repertorio)

Il capo della Polizia Franco Gabrielli ha rimproverato Matteo Salvini per aver citofonato a una casa privata a Bologna. “Stigmatizzo sia quelli che fanno giustizia porta a porta sia quelli che accusano la Polizia in maniera indiscriminata – dichiara Gabrielli, a margine di un convegno sulla sicurezza.

Sulla questione è poi nuovamente intervenuto anche il Segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti: “La cosa più importante è ricostruire la speranza e smettere di picconare l’Italia con polemiche e odio, magari citofonando agli studenti che devono studiare. Salvini citofonasse ai mafiosi, visto che quando ha fatto il ministro degli Interni non li ha catturati”.

Il gesto di Matteo Salvini, poi, non era stato approvato nemmeno dalla sua principale alleata Giorgia Meloni: “Io non l’avrei fatto, perché c’è il rischio di emulazione”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.