Salvini citofona e chiede: «Scusi, è lei che spaccia nel quartiere»

Matteo Salvini lancia una provocazione destinata a fare grandi polemiche. Il leader della Lega citofona una persona indicata come presunto spacciatore.

Matteo Salvini citofona una persona chiedendo se sia uno spacciatore
Matteo Salvini citofona una persona chiedendo se sia uno spacciatore (foto repertorio)

Matteo Salvini continua la campagna elettorale lanciando una provocazione che non è passata inosservata. Il leader della Lega si è recato a casa di un presunto spacciatore in un quartiere di Bologna. Il politico è stato accompagnato dalle telecamere degli organi di informazione insieme alle forze di Polizia: vibranti le proteste delle persone che hanno assistito alla scena.

Salvini citofona: «Ma lei è quello che spaccia?»

L’ex responsabile del ministero dell’Interno chiede dopo aver citofonato: «Lei spaccia? Mi hanno riferito dei cittadini che lei è un punto di riferimento dello spaccio nel quartiere. L’ho citofonata per darle la possibilità di smentire quanto dichiarato».

Il commento del sindaco di Bologna

Virginio Merola ha commentato la vicenda. «Io credo che si debba vergognare, caro Salvini. Lei non è un cittadino qualunque. Ha fatto il ministro dell’Interno, come mai in quel caso non ha avuto lo stesso interesse? Forse perché adesso è solo propaganda e si comporta da irresponsabile per qualche voto in più».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.