Il Movimento 5 Stelle presenta il conto ai morosi

Sono oltre una decina gli esponenti del Movimento 5 Stelle che rischiano l'espulsione. A breve la decisione del collegio sui morosi.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Cresce la tensione in casa Movimento 5 Stelle per la questione dei morosi. Dopo l’espulsione di Paragone, la medesima sorte potrebbe toccare a stretto giro anche a coloro i quali non sono in regola con le rendicontazioni del 2019. Secondo l’AdnKronos, infatti, il collegio dei probiviri si riunirà a breve per discutere sulla spinosa questione.

Morosi 5 Stelle, il problema del conto da saldare

Il 2019 si è chiuso con la vicenda Paragone ma non è escluso che il nuovo anno possa comportare l’espulsione di deputati e senatori che hanno non hanno ottemperato a quanto stabilito. I 5 Stelle hanno inviato a tutti i parlamentari in ritardo nei pagamenti un messaggio di posta elettronica. La scadenza dei pagamenti, con tanto di data utile per ultimare i versamenti, era stata indicata con il 31 dicembre 2019. Secondo il sito tirendiconto.it sono 12 i parlamentari che non hanno rendicontato nel 2019 con i famosi scontrini. Una nuova brutta gatta da pelare per Luigi Di Maio.