Matteo Salvini: “Non vedo l’ora di andare a processo”

Il leader della Lega Matteo Salvini continua a sfoderare la sua solita sicumera, anche davanti alla possibilità di essere processato per il caso della Gregoretti.

Matteo Salvini Open Arms
Matteo Salvini

Il leader della Lega Matteo Salvini continua a sfoderare la sua solita sicumera, anche davanti alla possibilità di essere processato per il caso della Gregoretti. «Non vedo l’ora di andare a processo», ha dichiarato dimostrandosi convinto delle sue azioni. Ritiene inoltre di avere pronti numerosi assi nella manica.

Matteo Salvini: “Non vedo l’ora di andare a processo”

La vicenda è per molti versi infatti simile a quella della nave Diciotti, quando la giunta decise di non dare l’assenso al processo. Inoltre, come riporta Il Giornale, Salvini continua a sostenere di avere agito con tutto il consenso dell’esecutivo. Non dimentichiamo, infatti, che, per il caso simile della Diciotti, gli allora colleghi del Governo Conte 1, Di Maio e lo stesso Premier Conte, si erano autoaccusati.

Per questi motivi Salvini continua a dare una sicura e tranquilla immagine di sé: «Se processano me, processano l’Italia. Sarebbe un processo politico, non penale. Se ci sarà lo faremo diventare l’occasione per aprire una riflessione sulla situazione della giustizia italiana e sulla mancanza di dignità e di onore dei politici di una certa parte, che hanno delegato ai magistrati le loro battaglie e il loro potere».

«Il Parlamento – continua -, nel votare sull’autorizzazione a procedere, non deve decidere se è giusto o no chiudere i porti, ma solo se ho agito da ministro pensando di fare l’interesse del mio Paese o se perseguivo interessi miei. È ovvio che se mi mandano a giudizio è un attacco politico e di solito sono i regimi, non le democrazie, a mandare alla sbarra i leader dell’opposizione».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.