Dimissioni Fioramonti, i 5 stelle: “Ora restituisca i soldi che ci deve”

Lorenzo Fioramonti si è dimesso dopo che, a suo dire, il Governo non ha concesso alla Scuola i tre miliardi che aveva promesso.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Lorenzo Fioramonti si è dimesso dopo che, a suo dire, il Governo non ha concesso alla Scuola i tre miliardi che aveva promesso. La scelta dell’ex Ministro ha riportato lo scompiglio all’interno di un Governo ricucitosi a stendo dopo le diatribe in merito alla Legge di Bilancio 2020. Intanto, tra le opposizioni, c’è chi, come Romeo (Lega), ha applaudito Fiormanti, e c’è invece chi, come Giorgia Meloni, ha continuato ad attaccarlo.

Dimissioni Fioramonti, i 5 stelle: “Ora restituisca i soldi che ci deve”

Ora, però, l’ormai ex Ministro dell’Istruzione si deve difendere anche dagli attacchi dei suoi ormai ex colleghi del Movimento 5 stelle. “Tre miliardi? Cominciasse lui a restituire i 70 mila euro che ci deve”, fanno sapere dal partito fondato da Luigi Di Maio. Si riferiscono al fatto che Fioramonti, come del resto tanti altri, non sarebbe in regola con le restituzioni del suo stipendio.

Intanto l’ex Ministro ha spiegato su Facebook: “Prima di prendere questa decisione, ho atteso il voto definitivo sulla legge di Bilancio, in modo da non porre tale carico sulle spalle del Parlamento in un momento così delicato. Le ragioni sono da tempo e a tutti ben note: ho accettato il mio incarico con l’unico fine di invertire in modo radicale la tendenza che da decenni mette la scuola, la formazione superiore e la ricerca italiana in condizioni di forte sofferenza”.

Qualcuno intanto può sorridere per l’insperato regalo di Natale ricevuto dagli avversari. Si tratta di Matteo Salvini, l’acerrimo nemico di questo Governo e primo nei sondaggi se si votasse oggi. Il leader della Lega, almeno per il momento, non ha commentato la vicenda delle dimissioni di Fioramonti. Siamo però certi che presto lo farà, magari con uno dei suoi soliti post provocatori su Facebook.