Boschi: “La mia famiglia è stata distrutta dai giornali, ora chiedete scusa”

Maria Elena Boschi, oggi,, oltre a intervenire in merito alla Banca popolare di Bari, ne ha approfitto per togliersi qualche sassolino dalla scarpa.

Maria Elena Boschi
Maria Elena Boschi

Maria Elena Boschi, oggi, mercoledì 18 dicembre, oltre a intervenire in merito alla Banca popolare di Bari, ne ha approfitto per togliersi qualche sassolino dalla scarpa. “La mia famiglia ha pagato un prezzo altissimo e ingiusto – ha iniziato -. Mio padre è stato massacrato mediaticamente e ha subito vari procedimenti: la sua posizione è stata archiviata su tutto sino ad ora. Resta un procedimento ancora in piedi e la Procura ha chiesto l’archiviazione anche per quello”.

Boschi: “La mia famiglia è stata distrutta sui giornali, ora chiedete scusa”

Le parole sono state pubblicate sul profilo Facebook di Italia Viva. “La mia famiglia è stata distrutta sui giornali e sui social e chi ha un minimo di onestà intellettuale oggi dovrebbe chiedere scusa, altro che attendere l’autocritica. L’Antitrust stessa ha escluso che sussistesse un mio conflitto di interessi. Banca Etruria è stata il grande alibi per una vergognosa campagna di sciacallaggio di tanti. Di troppi“.

Maria Elena Boschi, in merito alla Banca popolare di Bari, aveva detto: “Quando sta per saltare una banca, è giusto intervenire. Punto. Certo si può discutere di tutto: il merito del provvedimento, la tempistica, il ruolo della Vigilanza, la mancata trasformazione in spa, i tanti denari necessari. Ma salvare una banca significa salvare le famiglie dei risparmiatori e dei lavoratori. Noi lo abbiamo sempre detto, adesso se ne accorgono anche gli altri. I grillini dovrebbero avere un po’ d’onestà intellettuale”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.