Patata bollente, Feltri: “Non abbiamo offeso la Raggi”

Vittorio Feltri, in un editoriale su 'Libero' dal titolo 'Non abbiamo offeso il sindaco di Roma', ha risposto a Virginia Raggi dopo che il caso relativo al titolo "Patata bollente" è finito in tribunale.

Vittorio Feltri
Vittorio Feltri

Vittorio Feltri, in un editoriale su ‘Libero’ dal titolo ‘Non abbiamo offeso il sindaco di Roma’, ha risposto a Virginia Raggi. Il caso relativo al titolo “Patata bollente” è finito in tribunale.

Le parole di Feltri

Gentile dottoressa Raggi, sindaco di Roma – si legge nell’articolo – ho letto il suo comunicato. Annuncia trionfalmente di aver ottenuto dal gup di Catania il mio rinvio a giudizio, oltre che di Pietro Senaldi, per un titolo a lei dedicato oltre due anni fa da Libero, ‘Patata bollente’, sopra un mio pezzo in tema assolutamente rispettoso della verità. Capisco la sua gioia nel costringere due giornalisti a rispondere del loro lavoro in Tribunale. Persone non grilline e neppure smaccatamente di sinistra. Quindi antipatiche e degne di fucilazione. Si dà però il caso che l’espressione ‘patata bollente’ sia di uso comune, tanto è vero che una femminista incallita quale Lilli Gruber dovette annunciare la proiezione su La7 di un film intitolato appunto ‘Patata bollente’“.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.