Fondi Lega, Castelli: “Quella dei 49 milioni è una fake news”

Roberto Castelli, ex Ministro della Giustizia leghista, ha dichiarato che "quella dei 49 milioni è una fake" e "si è solo alzato un gran polverone"

Roberto Castelli
Roberto Castelli

In merito ai fondi della Lega, ieri, martedì 10 dicembre, la Guardia di Finanza ha eseguito una serie di perquisizioni in tutta Italia. L’inchiesta è ancora quella che sta seguendo la Procura di Genova sul tesoretto di 49 milioni della Lega. La vicenda è stata commentata da Roberto Castelli, ex Ministro della Giustizia leghista. “Secondo me è un gran polverone – dichiara -, costruito su una gigantesca fake che è quella del tesoretto da 49 milioni.

Fondi Lega, Castelli (Lega): “Quella dei 49 milioni è una fake news”

Poi, sull’indagato Stefano Bruno Galli dice: Su di lui metterei la mano sul fuoco. Non me lo vedo a trafficare con fondi lussemburghesi, è un pacifico professore universitario”. Quella dei 49 milioni è una fake – continua Castelli -. Perché quei soldi in realtà non sono mai esistiti. Può capirlo anche un bambino, c’è un partito che percepisce un euro a voto e nel 2007-2010 accumula 49 mln di rimborsi elettorali. Ma la Lega aveva una sede di centinaia di metri quadri, con 70 persone dipendenti, sedi regionali a cui conferiva denaro, un giornale, una radio: ecco i i 49 mln sono stati spesi per far funzionare il partito e per la campagna del 2013 di Maroni, che spese una cifra consistente in quella occasione. Sono spariti perché spesi legittimamente”, assicura Castelli.

Infine: “Faccio notare che la Procura di Genova contestava irregolarità su 800mila euro mal rendicontati e da quello desumeva che i bilanci non erano a posto, chiedendo per questo la restituzione di tutto. Ma non ci credono neanche loro, tanto che consentono di restituire quei soldi in 80 anni, se fossero stati convinti non sarebbe stato certo così”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.