Meloni: “Sono donna sovranista, fatico a essere accettata come leader”

La leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni ha recentemente ripercorso il proprio passato politico e raccontato le sfide che è pronta ad affrontare in futuro.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha recentemente ripercorso il proprio passato politico e raccontato le sfide che è pronta ad affrontare in futuro. Queste, dice, “sono tutte di alto livello, ma mai nessuno mi ha regalato nulla e non mi sono sentita discriminata.” Tuttavia, come ha riportato La Repubblica, l’immagine del leader è ancora ancorata al maschile, soprattutto a destra. “Certo. Il capo è condottiero, punto. Era anche un problema di physique du rôle”.

Giorgia Meloni: “Faticoso essere accettata come leader”

La Meloni, poi, come già accennato, ha ripercorso la sua attività politica, che è iniziata a 15 anni. “Mi sono fatta un mazzo. A 27 anni anni ero presidente di Azione Giovani”. Il lavoro è stato “immane: l’aggravante era di essere accettata come capo“.

In seguito dunque ha confessato che per una donna sovranista è difficile emergere: “Un po’ scatta quella tentazione di guardarti dall’alto in basso, ‘ma tanto non sarà così preparata, così intelligente’. Ma in generale, sono stata molto più rispettata da uomini di destra che dalla sinistra”. Infatti, continua, dall’altra parte, quindi a sinistra, molti si portano “dietro questa forma di presunta superiorità per cui il solo fatto di essere una portatrice di valori di destra ti autocondanna”.

“Il futuro non sarà facile”

Dopo uno sguardo al passato, tocca di nuovo guardare avanti, verso un futuro pieno di “sfide difficili”. Quindi la Meloni si è complimentata con Sanna Marin, neopremier finlandese. “Sono davvero molto contenta di vedere delle donne ai massimi livelli istituzionali nei loro rispettivi Stati – dichiara la leader di Fratelli d’Italia -. Spero che queste donne facciano bene per tranquillizzare coloro che pensano che un Paese non possa essere messo nelle mani di una donna”.

Giorgia Meloni ha parlato anche dell’amicizia con Bertinotti: “Un’amicizia che dura tuttora, con lui, con la moglie. Io ero davvero alle prime armi: c’era un Parlamento non di neofiti come adesso, e presiedere la Camera con tanti di quei navigatissimi colleghi era una cosa che poteva dare ansie pazzesche”. L’esponente di Rifondazione venne invitato ad Atreju: “Fu contestatissimo al suo interno per aver accettato. E invece insieme buttammo giù alcuni muri”.

Infine, per quanto riguarda un futuro al fianco di Matteo Salvini, ha risposto: “Non è facile mai. Ma abbiamo valori comuni, un orizzonte dentro il quale poter lavorare insieme”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.