Grillo: “Crollo nei sondaggi del M5s? Colpa dei sondaggisti complici”

Il Movimento 5 stelle, in un anno e mezzo circa, è passato dal 32,68% all'attuale 15,5%, per Beppe Grillo la colpa però non sarebbe del partito.

Beppe Grillo
Beppe Grillo

Il Movimento 5 stelle, in un anno e mezzo circa, è passato dal 32,68% all’attuale 15,5%, per Beppe Grillo la colpa però non sarebbe del partito. L’ultimo calo è stato certificato anche ieri, lunedì 9 dicembre, dai sondaggi di La7. La colpa, però, almeno stando a quello che il garante del Movimento ha pubblicato sul suo blog, sarebbe dei sondaggisti, che definisce “complici” degli altri partiti.

Grillo: “Crollo nei sondaggi del M5s? Colpa dei sondaggisti incapaci”

La colpa del crollo nei sondaggi, scrive Grillo, è del salotto dei sondaggi politici. In seguito accusa gli istituti di sondaggi politici di “sacrificare il rigore metodologico” per costruire un “campione che quasi mai rappresenta adeguatamente la popolazione” e “pilotando l’orientamento degli intervistati”.

Beppe Grillo parla di “agenzie private che interpellano i cittadini tramite i canali telefonico, e-mail e faccia a faccia”. Queste società, spiega, “scelgono di sacrificare il rigore metodologico ricorrendo soprattutto alla raccolta dati in modalità online e fanno solo confusione nel dibattito pubblico”. Inoltre, le “risposte” degli intervistati, “sono incerte e talvolta influenzate dagli stessi quesiti formulati“.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.