Salva Stati, Salvini: “Questo è un attentato alla sovranità nazionale”

Matteo Salvini, per quanto riguarda il fondo Salva Stati (Mes), ora chiede addirittura l'intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Matteo Salvini sul Fondo Salva Stati
Matteo Salvini sul Fondo Salva Stati

Matteo Salvini, per quanto riguarda il fondo Salva Stati (Mes), ora chiede addirittura l’intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Chiederemo al garante della Costituzione di farla valere. Questo è un attentato alla sovranità nazionale. Poi attacca ancora il Premier Giuseppe Conte: “A giudizio nostro e dei documenti il presidente Conte ha commesso un atto gravissimo, un attentato ai danni del popolo italiano“.

Salva Stati, Salvini: “Attentato alla sovranità nazionale”

Ricordiamo tutti i ‘no’ della Lega e tutti i silenzi di Conte che adesso ci spieghiamo – continua il leader del Carroccio -. Chiediamo un incontro al presidente Mattarella per evitare la firma su un trattato che sarebbe mortale per l’economia italiana“. Infine, dice che, dopo la rissa di ieri in Aula, bisogna tornare in Parlamento. “Sospendiamo tutto. Fermi, ci spiegate in Parlamento cosa state facendo e poi semmai si va avanti. Occorre un altro atto parlamentare”.

Nell’ultimo passaggio della risoluzione si parla di sospendere ogni determinazione definitiva finché il Parlamento non si sia pronunciato – dice -. Il Parlamento voti e noi prenderemo atto di quello che deciderà il Parlamento che è sovrano, funziona così in democrazia. Noi non abbiamo cambiato idea e voteremo no. Facciamo affidamento sul fatto che gli amici del 5 Stelle e del Pd sanno che rischi stiamo correndo. Ci sono decine di parlamentari che potrebbero dire le stesse cose che sta dicendo la Lega sul fondo salva Stati”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.