Di Maio: “Non dobbiamo asservire il Movimento a logiche di governo”

Luigi Di Maio ha dato il via al suo tour siciliano. "La cosa importante è che noi siamo sui territori, non possiamo asservire il Movimento alle logiche del governo".

Luigi DI Maio
Luigi DI Maio

Il leader del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio ha dato il via al suo tour siciliano. “La cosa importante è che noi siamo sui territori, non possiamo asservire il Movimento alle logiche del governo“, ha detto. Poi ha commentato il voto sulla piattaforma Rousseau: “Quando la piattaforma Rousseau va nella mia stessa direzione, allora dicono che è pilotata, quando vota contro la mia opinione, allora è una sfiducia e quando, invece, vota e non è successo niente, sono troppo pochi gli elettori. Insomma non va mai bene. Eppure grazie a quella piattaforma siamo in Parlamento e in Europa o nei consigli regionali”.

Luigi Di Maio in Sicilia

Il capo politico del Movimento 5 stelle poi ha continuato: “Il messaggio arrivato dal voto sulla piattaforma Rousseau è un no ai tatticismi e un no alle manovre di palazzo. Noi siamo il M5S e ci presentiamo alle elezioni regionali”. E “quello che è successo ieri sulla piattaforma è stato un grande esercizio di democrazia, una grande prova di forza dei nostri iscritti. Il M5S è una cosa bellissima“. “Stamattina – aggiunge – ho visto Paola Taverna e Roberto Fico e tutti abbiamo dichiarato che secondo noi serviva un attimo di pausa per riuscire a riorganizzare il Movimento entro marzo ma gli iscritti hanno deciso così”.

Lunedì – conclude Di Maio – sarò in Calabria e in Emilia Romagna perché gli iscritti ci hanno detto che si va al voto e noi ci mettiamo al servizio degli attivisti. Non so quanto prenderemo ma lavoreremo per mettere qualche consigliere regionale”. Le parole del leader del Movimento sono state riportate dall’Adnkronos.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.