Calenda presenta Azione: “Combatteremo Salvini e i rammolliti del Pd”

Carlo Calenda ha presentato in una conferenza stampa il suo nuovo movimento Azione, e ha subito attaccato tutti i suoi avversari

Carlo Calenda presenta Azione
Carlo Calenda presenta Azione

Carlo Calenda ha presentato in una conferenza stampa il suo nuovo movimento Azione, e ha subito attaccato tutti i suoi avversari: Pd e Italia Viva sono dei riformisti rammolliti perché hanno paura. Sono succubi e tradiscono i loro valori. I riformisti vincono se esprimono un’azione forte come il governo Renzi che oggi viene tradito proprio da Renzi con la fallimentare alleanza con M5S”.

Poi, sempre parlando dell’ex Premier, continua: “Renzi è pienamente dentro l’alleanza con M5S. Vota i provvedimenti di M5S, e il fatto che la mattina li voti e il pomeriggio dica che li ha votati per sbaglio non cambia le cose”.

Calenda presenta Azione

Presto, però, sarà già tempo di elezioni, in Emilia Romagna e in Calabria. Calenda spiega cosa farà in Emilia-Romagna: “Daremo una mano a una Bonaccini se non si alleerà con il M5S. In politica conta la parola, se la parola non ha valore la politica non ha valore. Noi con il M5S non facciamo alleanze, perché li consideriamo il male di questo Paese, come Salvini”.

“Sono molte le cose che mi distinguono da Renzi – conclude Calenda -, mai avrei votato per l’abolizione dello scudo penale su Ilva che Renzi aveva messo, creando ora un enorme disastro. Mai avrei dato fiducia a questo governo“. Con questo governo, “si sono realizzate tutte le cose peggiori che avevamo previsto. Fi è andata nella coalizione nella Lega. Il Pd, indebolito dalla scissione di Renzi, è completamente afono su qualsiasi cosa, non riesce a tenere il punto su nulla. Prendiamo lo ius culturae: il Pd ha detto ‘non insistiamo’, il che vuol dire non lo facciamo“.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.