Tassa rifiuti, la classifica per regioni e città

In media nel 2019 la tassa rifiuti in Italia costa ai cittadini 300 euro ma è interessante vedere le differenze tra regioni e città, grazie all'Osservatorio prezzi e tariffe della onlus Cittadinanzattiva.

Rifiuti, dal Canada alle Filippine e viceversa
Rifiuti, dal Canada alle Filippine e viceversa (foto repertorio)

In media nel 2019 la tassa rifiuti in Italia costa ai cittadini 300 euro. E’ interessante però vedere le differenze tra regioni e città. E’ possibile farlo grazie all’Osservatorio prezzi e tariffe della onlus Cittadinanzattiva.

La classifica per tassa rifiuti

Le 10 città più costose per la tassa rifiuti sono nell’ordine Catania (504 euro), Cagliari (490), Trapani (475), Benevento (471), Salerno (467), Napoli (455), Reggio Calabria (443), Siracusa (442), Agrigento (425), Messina (419). Quelle più più economiche sono invece Potenza (121 euro), Udine (167), Belluno (168), Pordenone (181), Vibo Valentia (184), Isernia (185), Bolzano (186), Brescia (191), Verona (193), Trento e Cremona a pari merito (195).

Regioni

Per quanto riguarda le regioni davanti a tutti c’è il Trentino Alto Adige (190 euro). E’ seguito da Molise (219), Basilicata (221), Friuli Venezia Giulia (228), Veneto (234), Marche (235), Lombardia (241), Emilia Romagna (274), Valle d’Aosta (275), Piemonte (276), Calabria (296), Umbria (301), Toscana (323), Lazio (325), Abruzzo (326), Liguria (333), Sardegna (345), Puglia (373), Sicilia (394), Campania (421).

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.