Trattativa Stato-mafia, Berlusconi in silenzio e Di Maio attacca: «Vergogna»

Di Maio ha duramente criticato la scelta di Berlusconi che si è avvalso della facoltà di non rispondere durante il processo per la trattativa Stato-mafia.

Trattativa Stato-mafia, il duro attacco di Di Maio dopo la decisione di Berlusconi
Trattativa Stato-mafia, il duro attacco di Di Maio dopo la decisione di Berlusconi (foto Facebook)

Luigi Di Maio ha parlato delle ultime vicende riguardante la trattativa Stato-mafia e il non intervento di Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia è attualmente indagato per le stragi mafiosi del 1993. Un procedimento aperto dalla Procura di Firenze. Vista la decisione di Berlusconi è giunta su Twitter il commento dell’esponente politico del Movimento 5 Stelle. «Questo Paese non chiuderà mai i conti con il passato se una persona che ha fatto per tre volte il Presidente del Consiglio si avvale della facoltà di non rispondere in un processo per mafia. Sono veramente senza parole».

Trattativa Stato-mafia, il processo e la decisione di Berlusconi

La notizia del processo è stata riportata dall’Adnkronos. Berlusconi era stato citato dalla difesa di Marcello Dell’Utri. Quest’ultimo è imputato per minaccia a corpo politico dello Stato.