Luigi Di Maio: “Con il Pd ci vuole patto più stringente”

Il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio è stato oggi, venerdì 8 novembre, ospite al Forum ANSA. Qui ha spiegato la sua posizione sulla vicenda ex Ilva.

Luigi Di Maio:
Luigi Di Maio: "Sulla prescrizione"

Il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio è stato oggi, venerdì 8 novembre, ospite al Forum ANSA. Qui ha spiegato la sua posizione sulla vicenda ex Ilva. “Stiamo riparlando di Ilva perchè Arcelor Mittal si sta rimangiando l’accordo”. L’azienda, per l’ex Ministro “va obbligata a restare a Taranto. E ancora: “Può succedere che un imprenditore sbagli i calcoli. Ma gli oneri vanno fatti rispettare, le cambiali non vanno fatte pagare allo Stato ma rimangono alle imprese”.  

Luigi Di Maio attacca la Lega

Luigi Di Maio ha poi attaccato la Lega di Matteo Salvini: “Ogni volta che io provavo a essere duro, si schierava con Arcelor. Ora ho capito perché: hanno investito in Arcelor e stanno battagliando ancora per la multinazionale e non per i lavoratori. Abbiamo smascherato il finto sovranismo. Abbiamo gli unici sovranisti al mondo che perorano le battaglie delle multinazionali anziché i cittadini e i lavoratori. Allo Stato è stato chiesto di rispettare il contratto di Calenda, adesso chi ci chiede di rispettarlo non rispetta i patti. Io spero che i sovranisti siano mossi da orgoglio e non facciano i camerieri delle multinazionali”.

“Va bene il dialogo ma senza minacce: Arcelor Mittal sapeva che avrebbe trovato un governo che pretende siano rispettati i patti. Chiedere di andare via da Taranto è un’azione inaccettabile che non è presupposto per il dialogo. Mettere sulla strada 5.000 persone mi sembra assurdo – continua Di Maio -. “Noi come M5s non siamo d’accordo sull’introduzione dello scudo. La Lega che cura i suoi interessi in borsa presenta un emendamento, ma che lo presentino anche partiti della maggioranza senza un accordo è un problema della maggioranza stessa”.

Di Maio sull’alleanza con il Pd

Il capo politico dei 5 stelle ha risposto infine ad alcune domande sulle prossime elezioni regionali. “Alla prossima settimana avrò riunioni con i gruppi della Calabria ed Emilia – dice -. Oggi nel Movimento non c’è un consenso per fare alleanze con il Pd. A livello nazionale non è un’alleanza ma un governo che mette insieme i voti perché non abbiamo raggiunto il 51% dei consensi“.

Tuttavia, Di Maio è del parere che dopo l’approvazione della prossima Legge di Bilancio si deve fare subito un patto più stringente con il Pd. “Una cosa è certa: finita la legge di bilancio dobbiamo metterci di nuovo al tavolo con il Pd per creare un patto di governo più stringente con gli obiettivi che vogliamo raggiungere per gli italiani”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.