Ex Ilva, Di Maio avverte il Pd: «Niente scherzi, ci si gioca il Governo»

La questione dell'ex Ilva tiene banco in seno al Governo. Di Maio fa alcune precisazioni al Partito Democratico sulla questione di un presunto scudo penale.

Ex Ilva, Di Maio avverte il Pd sul presunto scudo penale ad ArcelorMittal
Ex Ilva, Di Maio avverte il Pd sul presunto scudo penale ad ArcelorMittal (foto AdnKronos)

Luigi Di Maio ha parlato dopo l’incontro con i maggiori rappresentanti del Movimento 5 Stelle: sul tavolo vi è la spinosa questione dell’ex Ilva. Il gruppo franco-indiano ArcelorMittal, infatti, sta creando non poche ansie a migliaia di lavoratori dello stabilimento di Taranto.

Ex Ilva, il nodo di ArcelorMittal e le avvisaglie al Pd

«Dobbiamo scrivere un cronoprogramma chiaro. Voi sapete che ero affezionato alla formula del contratto di governo, perché lì c’è scritto quello che puoi e non puoi fare. Si è deciso di scrivere questo programma di governo, che è molto generale. Concordo con Franceschini per un patto più stringente». Sulla questione dell’emendamento per uno scudo penale ad ArcelorMittal arriva la puntualizzazione di Di Maio: «Non so se è vero ma quello è un problema, è un problema per il Governo».

Di Maio non si arrende e chiede che il colosso mondiale mantenga fede agli impegni presi. «Se noi già parliamo di un post Mittal, stiamo fornendo la scusa perfetta a Mittal. Poi tutto si può fare. Credo che in questo momento Mittal come presupposto della discussione debba ritirare la procedura».

Conte a Taranto

Conte è attualmente a Taranto per parlare con i lavoratori dell’ex Ilva. Operai e associazioni, oltre a esponenti di movimenti ambientalisti e cittadini del quartiere Tamburi, lo hanno accolto con slogan “Taranto libera”, “Chiusura della fabbrica” e “Vogliamo vivere“. La proposta è quella della riconversione del siderurgico.