Segre risponde a Salvini: “La mia porta è aperta, lo incontrerei”

La senatrice a vita Liliana Segre ha detto sì a un incontro faccia a faccia con il leader della Lega Matteo Salvini. "Certo, perché non dovrei vederlo."

Liliana Segre candidata al premio Nobel per la Pace
Liliana Segre candidata al premio Nobel per la Pace

La senatrice a vita Liliana Segre ha detto sì a un incontro faccia a faccia con il leader della Lega Matteo Salvini. “Certo, perché non dovrei vederlo. Se lui mi vuole incontrare, perché no?” ha detto la senatrice a vita durante l’incontro “L’etica della responsabilità: dalla memoria all’universalità dei diritti”, al Teatro Eco di via Fezzan, a Milano. “Se io non odio, perché non dovrei aprire la porta?”.

Salvini, appena dopo l’astensione della Lega in Parlamento sul voto alla commissione Segre contro l’odio, aveva dichiarato: “Se ci si fosse limitati all’antisemitismo non avrei avuto problemi. Le commissioni etiche, però, le lascio all’Unione Sovietica… Chi nega l’Olocausto va curato da uno bravo bravo. Ma sul fatto di mettere in mano a una commissione partitica il giudizio di cosa è razzismo ho qualche dubbio. Sull’antisemitismo nessun problema: vanno curati sia quelli che vanno in giro con la svastica sia quelli con falce e martello. Di sicuro Liliana Segre può insegnarmi qualcosa, Mario Balotelli no”.

La senatrice si era detta comunque delusa dall’astensione del Centrodestra: “Non pensavo che davanti a una mozione che proponeva l’istituzione di una commissione contro l’odio ci potessero essere dei distinguo. Dagli interventi che ho seguito ho immaginato che una parte si sarebbe astenuta ma poi ho notato che molti astenuti al momento dell’annuncio dell’esito del voto sulla mozione hanno applaudito. Voglio pensare che le coscienze e le anime di chi ha votato in un certo senso contro astenendosi, non siano tutte insensibili, ma che si siano adattate a quegli ordini politici di partito…”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.