Giorgia Meloni: “Nel Centrodestra siamo sottostimanti”

Dopo la costante ascesa di Fratelli d'Italia, la leader Giorgia Meloni sembra esigere più spazio all'interno della coalizione di Centrodestra.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Dopo la costante ascesa di Fratelli d’Italia, la leader Giorgia Meloni sembra esigere più spazio all’interno della coalizione di Centrodestra. “Per i parametri del mainstream io sono sbagliata a 360 gradi. Sono di destra, sono donna, quasi giovane, cresciuta in quartiere popolare, pure bassa – ha iniziato, prendendosela prima di tutto con i suo detrattori -. Poi, diciamolo: per una certa intellighentia la destra deve essere brutta, sporca, cattiva e ignorante“. La Meloni, in una intervista a La Verità, ha spiegato in questo modo le ragioni dell’odio di parte della stampa nei suoi confronti. 

Giorgia Meloni: “Nel Centrodestra siamo sottostimanti”

Giorgia Meloni, però, come già detto, punta anche a rilanciarsi all’interno della coalizione di Centrodestra. “Vorrei dire a chi ci sta scoprendo adesso che non siamo nati sotto un cavolo. Ho un gruppo dirigente e una squadra parlamentare di prim’ordine, abbiamo lavorato tanto senza che nessuno scrivesse una riga“.

Infine la leader di Fratelli d’Italia parla degli ultimi balzi in avanti nei sondaggi: “Forse è il mondo che ha cambiato il modo di guardarci. Noi non siamo cambiati di una virgola”. E quando le chiedono in quali regioni vuole mettere un suo uomo nel ruolo di candidato governatore, risponde: “Anche donne nel caso. FdI deve selezionare i candidati di Puglia e Marche. Ma m’interessa anche la Toscana. Facendo bene i conti la Lega governa 16 milioni di italiani, Forza Italia sei milioni. Noi, solo un milione, in Abruzzo. Siamo sottostimati“.