Salvini contro Conte sul ragazzo ucciso a Roma. Il premier: “Miserabile”

Il leader della Lega aveva detto ai microfoni di Tgcom24: "Renzi, Conte e Zingaretti fanno tagli disastrosi al fondo per le forze dell'ordine"

Salvini contro Conte per il Mes
Salvini contro Conte per il Mes

Continua la querelle a distanza tra Matteo Salvini e Giuseppe Conte. I due questa volta si scontrano sulla tragedia avvenuta in questi giorni nella Capitale. Salvini infatti ha commentato la notizia del ragazzo ucciso a Roma e ha puntato il dito contro il governo Conte. Non si è fatta attendere la replica del premier.

Il commento di Salvini dopo la tragedia a Roma

Il leader della Lega, dopo aver saputo della storia di Luca Sacchi, il 24enne ucciso per difendere la sua fidanzata, aveva criticato duramente l’operato del governo Conte. “Oggi, commosso e addolorato, prego per Luca e sono vicino alla sua famiglia”, aveva detto in una intervista a Tgcom24. “Ma sono anche incredulo e sdegnato perché è inconcepibile quello che è accaduto. Da ex ministro dell’Interno fa ancora più male vedere tutta l’insicurezza della capitale governata dai 5stelle e i tagli disastrosi che Renzi, Conte e Zingaretti fanno al fondo per le forze dell’ordine“, aveva commentato.

Salvini contro Conte: la dura replica del premier

Dopo il commento di Salvini sul ragazzo ucciso a Roma e il suo attacco a Conte, il premier gli ha risposto direttamente in una intervista. Interrogato dai giornalisti su cosa pensasse delle parole del suo ex ministro, Conte ha infatti replicato: “Qui rischio di arrabbiarmi davvero. Si può ingrassare il consenso in tutti modi, ma se si pensa di lucrare consenso in questo modo lo trovo davvero miserabile“.

E, uscendo da una visita all’azienda Cucinelli, ha sottolineato: “Solo ieri abbiamo trovato con grande difficoltà, perché si tratta di raschiare il fondo del barile, i fondi per pagare gli straordinari del 2018 alle forze di polizia. Interrogatevi su chi poteva farlo prima e non l’ha fatto. Tutto questo senza andare a toccare le risorse per i rinnovi contrattuali. Quindi non accetto speculazioni su questi fronti“.

“Se vogliamo parlare di sicurezza – ha concluso Conte – ne parlo in modo serio: ieri fino a tardi ho ricevuto tutti i sindacati di polizia e vigili del fuoco. Parliamo di dati concreti, di cose serie: abbiamo trovato, in una manovra difficile dove avevamo 23 miliardi di Iva da sterilizzare, gli stanziamenti aggiuntivi per completare il riordino delle carriere delle forze di polizia”.