Elezioni Umbria, Conte: “Voto non determinante per il Governo”

Il Premier Giuseppe Conte ha fatto una dichiarazione sulle prossime elezioni in Umbria: "Voto non determinante per il futuro del Governo".

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Il Premier Giuseppe Conte, rispondendo a una domanda sulle prossime, imminenti elezioni in Umbria, in programma per domenica 27 ottobre, si è lasciato andare a una dichiarazione che ha fatto storcere il naso a molti. “Il voto in Umbria, con tutto il rispetto per la popolazione umbra, non può essere determinate per le sorti del Governo. Queste le parole del Premier, che è parso mettere le mani avanti in caso di sconfitta della lista sostenuta da Pd e Movimento 5 stelle.

Conte poi continua: “Io sono vicinissimo alla popolazione umbra, una popolazione che tra l’altro ha sofferto tantissimo. Però, con tutto il rispetto, una popolazione che è pari alla provincia di Lecce non può essere determinante per le sorti del Governo”.

Ora, anche dando ragione in linea di massima al Premier, siamo costretti a riportare che si è dimenticato due particolari. Il primo è che l’Umbria ha quasi 900.000 abitanti (la provincia di Lecce ne ha poco più di 800.000). Quindi Conte, che ha anche sbagliato a riportare i numeri delle effettivi popolazioni, si è dimenticato che lui, alla fine, è stato riconfermato come Premier grazie al voto della piattaforma Rousseau, in cui hanno votato 90.000 persone. La seconda cosa che Conte ha dimenticato è che l’Umbria sarebbe solo l’ultima regione che, in caso di vittoria del Centrodestra, andrebbe all’opposizione di questo Governo.