Elezioni in Umbria, fondi per i terremotati dati al candidato Pd-M5s

Stando a quanto riporta il Corriere dell'Umbria, alle società di Vincenzo Bianconi sarebbe finito circa l'80% di tutti i fondi destinati alla ricostruzione di Norcia.

Stando a quanto riporta il Corriere dell’Umbria, che cita carte fornite da Nicola Alemanno (Forza Italia), alle società di Vincenzo Bianconi sarebbe finito circa l’80% di tutti i fondi destinati alla ricostruzione di Norcia. I fondi sarebbero dovuti andare alla ricostruzione della città dopo il terremoto che ha devastato il Centro Italia nell’agosto del 2016. Inoltre, il candidato di Pd e Movimento 5 stelle, oltre ad aver ricevuto i fondi per i terremotati, sarebbe riuscito anche a vincere la gara per il trasporto scolastico. Infine si è anche aggiudicato le forniture per le mense dei moduli abitativi. Il tutto per una cifra di 9 milioni di euro in un paio di anni.

Elezioni in Umbria, fondi per i terremotati dati al candidato Pd-M5s

Come riporta Il Giornale, ad accendere i riflettori su Bianconi è stata un’interrogazione presentata in consiglio comunale de “Noi per Norcia”. Si tratta di una lista civica vicina al Partito Democratico. Ora, dunque, perché una lista alleata del Pd avrebbe dovuto attaccare l’attuale candidato proprio di Pd e Movimento? Semplice, l’interrogazione è arrivata il 19 agosto, prima cioè dell’accordo di governo tra le due forze politiche.

L’obiettivo della sinistra era quello di portare alla luce i lavori di costruzione degli alberghi a San Benedetto. Dei 27 alberghi, continua Il Giornale, che sono riusciti a sopravvivere al sisma del 2016, soltanto tre hanno chiesto e ottenuto i fondi pubblici per la ristrutturazione. E di questi, secondo le carte pubblicate oggi dal Corriere dell’Umbria, soltanto i due che appartengono alle società di Bianconi, sono riusciti a ottenere, almeno per il momento, i decreti che sbloccano i soldi.

Il commento di Salvini

Matteo Salvini ha scritto sulla sua pagina Facebook: “Più di 8 milioni di fondi pubblici per ristrutturare hotel e rifornire le mense dei moduli abitativi post-terremoto. È quanto incassato dal gruppo alberghiero che fa capo al candidato di Pd e 5 Stelle per la ricostruzione di Norcia. Per molto meno, in passato la sinistra e i grillini avrebbero gridato al conflitto di interessi e all’evidente problema di opportunità. Approfondiremo! L’Umbria, dopo gli arresti che hanno fatto cadere la giunta Pd, merita trasparenza assoluta. Il 27 ottobre i cittadini potranno finalmente voltare pagina”.